Home Beach Soccer Brutta sconfitta per la Ecosistem CZ alla prima gara della tappa catanzarese

Brutta sconfitta per la Ecosistem CZ alla prima gara della tappa catanzarese

7 min. di lettura
0
0

Non è dato sapersi quanto sia casuale, la scelta della Domusbet Catania, di indossare, in trasferta, una divisa color giallo fluorescente, simile a quella del Barcellona di qualche anno fa. Come la corazzata blaugrana “triturava” tutto ciò che incontrava sul suo cammino, gli etnei di Panizza, continuano imperterriti nella loro marcia verso le Finali Scudetto di questo campionato di Serie AON 2017, come una panzer division, calpestando oggi, l’Ecosistem Catanzaro, per di più sulla sua spiaggia. Si complica notevolmente, adesso, il cammino dei giallorossi verso San Benedetto (la sfida per la conquista della Supercoppa e le Finali Scudetto, ricordiamo, si svolgeranno dal 3 al 6 agosto, presso il Beach Arena “Riviera delle Palme”), costrette a battere senza appello Lamezia e Sicilia, nel weekend. D’altra parte, gli uomini del presidente Giuseppe Procopio erano consapevoli di puntare tutte le fiches a disposizione in questa tappa casalinga e non poteva essere altrimenti: dentro o fuori, domenica sera sapremo il verdetto. Intanto l’11-2 incassato nel pomeriggio, sulla sabbia del “Santa Fè Beach Stadium” non lascia campo ad equivoci: il Catania ha strameritato, dimostrando di manovrare “a memoria” per lunghi tratti del match, imbrigliando l’avversario e gestendo quasi totalmente il pallino del gioco, dall’inizio alla fine. A nulla sono serviti i due squilli del buon Ruggiero (ancora lui), se non agli onori di statistica, perché il passivo resta comunque duro da digerire.
Eppure, le Aquile di mister Aloi, avevano risposto “pan per focaccia” al vantaggio di Palmacci, giunto dopo pochi secondi da calcio piazzato (piuttosto discutibile la decisione della coppia arbitrale), pareggiando dunque con Ruggiero, che fulminava Spada nella ripresa del gioco. L’Ecosistem, a quel punto, avrebbe potuto prendere coraggio e provare a fare la sua partita, ma i siciliani iniziavano a sfornare gol a grappoli, un minuto dopo l’altro: il catanzarese Zurlo, nuovamente Palmacci, Palazzolo, Spada e Ott, portavano a sei il computo delle reti, prima dell’altro gol di Ruggiero, in chiusura di tempo, che beffava l’estremo difensore etneo, scavalcandolo con un piattone. Nel secondo tempo, il canovaccio restava identico: il Catania non correva rischi grossissimi, i padroni di casa provavano una reazione timida, ma inconcludenti, sebbene la voglia di non piegarsi fosse evidente, ma contro un avversario del genere, occorre solo levarsi il cappello. Ancora Zurlo, Palazzolo e Stankovic gonfiavano la rete, mentre Bassi De masi e Palmacci archiviavano la pratica nel terzo periodo.
Un team, quello siciliano, candidato alla vittoria del torneo, ma ciò era risaputo; però, ci si attendeva un Catanzaro più coriaceo, che non prestasse il fianco all’avversario in questo modo, ma anzi, tenesse testa, così come fatto con il Terracina, nella tappa di Castellammare del Golfo. La prima tappa, già… quella che tanto fa recriminare, ancora! Infatti, seppure fosse da mettere in conto una sconfitta contro un Catania che, ribadiamo, è la squadra più accreditata a vincere il campionato, rischia di ripercuotersi oltremodo l’aver lasciato punti preziosi nelle prime tre giornate, in particolare al debutto contro quel modesto Barletta che oggi, per la cronaca, ha perso 4-8 contro il Canalicchio.
Peccato, perché era fondamentale fare risultato per andare avanti con tranquillità, invece la strada si complica, ma non i programmi predisposti alla vigilia della tappa catanzarese: battere senza “se” e senza “ma” Lamezia Terme, domani alle 18.15. Strappiamo il foglio con calcoli e pronostici, è arrivata l’ora di riprendere a vincere e… spiccare il volo, definitivamente.

DOMUSBET CATANIA – ECOSISTEM CATANZARO 11-2 (6-2; 3-0; 2-0)
Domusbet Catania: Spada, Paterniti, Palmacci, Chiavaro, Ott, Bruno ‘ Xavier’, Bassi De masi, Fred, Palazzolo, Corosiniti, Stankovic, Zurlo. All: Panizza
Ecosistem Catanzaro: Parrotta, Staffa, Rayan, Mascaro, Morabito, Percia Montani, Ruggiero, De Feo, Cassaro, Scalese, Rocca, Sesti. All: Aloi
Arbitri: Sannino (Napoli), Derrisco (Nocera Inferiore)
Reti: 1’ pt Palmacci (C), 2’ pt Ruggiero (EC), 3’ pt Zurlo (C), 4’ pt Palmacci (C), 5’ pt Palazzolo (C), 6’ pt Spada (C), 7’ pt Ott (C), 11’ pt Ruggiero (EC); 3’ st Zurlo (C), 5’ st Palazzolo (C), 5.23’’ st Stankovic (C); 2’ tt Bassi De Masi, 12’ tt Palmacci (C)

UFFICIO STAMPA BS ECOSISTEM CATANZARO

Carica altri articoli
Load More By webmaster
Load More In Beach Soccer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Un dirigente di successo alla corte del Locri Futsal

Un uomo che nel futsal reggino e non solo gode di grande considerazione e che sposa con en…