Home Calcio Diluvio, inferiorità numerica e svantaggio: Sporting CZ Lido più forte delle avversità

Diluvio, inferiorità numerica e svantaggio: Sporting CZ Lido più forte delle avversità

4 min. di lettura
0
0
L’esultanza di Giglio al gol del 2-1

Lo Sporting Catanzaro Lido vince la battaglia del “Federale” ed approda in finale play off, dove affronterà, al “Cosimo Zumpano”, la Nuova Rogliano. I catanzaresi piegano la resistenza del Campora, formazione ostica e ben guidata dal tecnico dei miracoli Caccamo. Vigilia non semplice per i ragazzi del presidente Tarantino, a causa della scomparsa del papà di uno dei leader indiscussi della squadra, quell’Andrea Canino sceso in campo con la fascia di capitano e che ha messo davanti il bene del gruppo, al proprio dolore personale. Tornando alla cronaca, mister Patti sceglie la difesa a tre per fronteggiare il trio offensivo dei tirrenici e, in un certo senso, viene anche aiutato dal terreno pesante, che limita gli avversari molto tecnici a fronteggiare l’uno contro uno. Pessima scelta del signor Femia di Locri che, nonostante l’acquazzone in corso, decide di iniziare la gara, per poi sospenderla dopo un minuto di gioco. Tutti fermi e, per circa quaranta minuti, pubblico numeroso costretto a guardare l’evolversi delle condizioni metereologiche. Dopo la ripresa, difficoltà oggettive anche solo nel controllo della palla, ma sono gli ospiti a sbloccare il parziale con capitan Gagliardi che, al trentasettesimo, risolve con una conclusione dal limite, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Commando amaranto in visibilio e squadra che pensa ad amministrare, come avvenuto in occasione della sfida di campionato, dove il Camporà passò per 1-2.

La rete del momentaneo
1-1 di Ferrara

La ripresa si apre con la sciocca espulsione di Iovane che, al decimo minuto, si rende protagonista di un buffetto sulla schiena dell’avversario, con il direttore di gara fiscalissimo nell’occasione. L’incontro, comunque, cambia dopo l’ingresso dell’eclettico Ferrara, che rinvigorisce il centrocampo locale creando scompiglio tra le maglie degli ospiti, penalizzati dall’assenza del forte Okoroji. Al ventesimo minuto, è proprio il neoentrato Ferrara a presentarsi davanti a Cicero ed a batterlo inesorabilmente, riequilibrando le sorti della gara e della qualificazione. Lo Sporting, a questo punto, ci crede e spinge nonostante l’uomo in meno, sfiorando il vantaggio con Fulciniti, sulla cui conclusione è monumentale l’estremo difensore ospite Cicero. Da un’azione sulla sinistra, poi, Canino serve di testa Giglio, che elude l’intervento dell’avversario, entrato a vuoto nell’occasione, e lascia partire una conclusione precisa sul primo palo toccata dal portiere, ma che s’insacca in rete. A cinque minuti dal termine, lo Sporting ribalta l’inerzia e, dopo aver controllato senza particolari sussulti, può esultare per la conquista della finale play off del girone B di prima categoria.

Carica altri articoli
Load More By Massimo Scerbo
Load More In Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

PRIMA CATEGORIA, la presentazione della prima giornata

GIRONE A (a cura di mister Roberto Mantuano) Dopo il calciomercato ricco di colpi di scena…