Home Calcio Il Catona sfiora un vero e proprio capolavoro, mister Fortugno l’artefice della scalata

Il Catona sfiora un vero e proprio capolavoro, mister Fortugno l’artefice della scalata

6 min. di lettura
0
0
La Reggina allenata da mister Fortugno

Incuriositi dallo score del Catona Calcio, che a dicembre navigava nelle ultime posizioni del campionato di seconda categoria girone E e che, con l’avvento di mister Fortugno ha inanellato una serie impressionante di risultati utili recuperando punti su punti a tutte le squadre avversarie, tanto da chiudere al quarto posto della classifica esprimendo un calcio organizzato, veloce e ricco di spunti tattici che difficilmente si vedono in queste categorie, siamo andati a conoscere l’artefice di tutto questo.
Scopriamo che Sebastiano Fortugno, un personaggio schivo e poco avvezzo a parlare di sé, abituato da sempre a lavorare sottotraccia, ponendo sempre avanti il lavoro sul campo a quello fuori, è laureato in scienze motorie, entra a far parte, nel 1999 della Reggina Calcio con l’incarico di allenatore della squadra esordienti. Svolgerà l’incarico di allenatore nelle giovanili della Reggina Calcio per 5 anni con ottimi risultati, contribuendo alla crescita di tanti giovani della cantera reggina come Barillà, Viola, Camilleri, Dall’Oglio etc. Nel 2005, con l’avvento del duo Cerantola-Geria, la Reggina decide di investire su mister Fortugno al quale viene proposto un contratto in qualità di scout. Da qui, e per ben altri 7 anni, anche con l’avvento del Direttore Giacchetta, ha inizio il girovagare di mister Fortugno per l’Italia, l’Europa e l’Africa, alla ricerca di talenti da portare a Reggio Calabria. In questo lungo girovagare, oltre ad aver segnalato tanti talenti in erba poi diventati professionisti, ha avuto modo di visitare i più grandi club europei, arricchendo il proprio bagaglio di conoscenze da mettere a disposizione del club per cui collabora. Con la fine dell’era Foti ed il conseguente fallimento della Reggina Calcio, mister Fortugno, insegnante presso una scuola superiore cittadina, pur ricevendo offerte da squadre professionistiche lontane dalla propria città, non se la sente di trasferirsi lontano dai suoi affetti e dal luogo di lavoro. Continuerà in questi anni a collaborare da esterno con varie società, segnalando loro talenti reggini.

Nel dicembre scorso, coinvolto da un gruppo di amici, torna in pancina e fa nascere quello che si rivelerà un piccolo capolavoro purtroppo, per poco, incompiuto.
Si, e questo dispiace, anche se la società del Catona Calcio, essendo una matricola, mi aveva chiesto solo una mano per riuscire a non retrocedere.

Come mai, proprio quando sembravano ormai raggiunti i play off, sono arrivate le due fatali sconfitte con F. Melito e Nova SanF?
L’unica spiegazione che riesco a dare è il calo fisico dovuto alla sfortuna di aver dovuto disputare ben quattro partite in otto giorni, per via di due partite rinviate consecutivamente per impraticabilità.

Pensa che la classifica finale, con la promozione di Fortitudo e Ludos, rispecchi i valori dell’intero campionato?
Certamente si. Proprio perchè è un campionato, il valore delle squadre si calcola nell’intero arco dello stesso e Fortitudo e Ludos lo hanno meritato, mentre noi ne siamo stati protagonisti solo per una parte.

Per la prossima stagione sappiamo di qualche interessamento di squadre di categoria superiore, dove allenerà mister Fortugno?
Non faccio differenze di categoria, quanto di progetti. Catona ed i suoi dirigenti mi hanno fatto tornare la voglia e l’entusiasmo di allenare, mi hanno chiesto la disponibilità di rimanere con loro e sono già al lavoro per programmare la prossima stagione. A giorni ci incontreremo.

Carica altri articoli
Load More By Massimo Scerbo
Load More In Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Prima Categoria, risultati e marcatori della 10° giornata

Si sono disputate le gare della decima giornata del campionato di Prima Categoria, di segu…