Home Calcio Il sogno diventa certezza, la Nuova Calimera approda in prima categoria

Il sogno diventa certezza, la Nuova Calimera approda in prima categoria

8 min. di lettura
0
0

Il paradiso all’improvviso! Sembrerebbe il titolo di un film invece è una storia vera, la storia di un sogno diventato realtà, dall’inferno al paradiso in poco più di 30 secondi. Finisce 1-2 a Sant’Onofrio, una partita che si era messa malissimo, sotto di un goal, l’aveva raddrizzata il solito Enzo Gallo ma non sarebbe bastato. Quando tutto sembra esser svanito nel nulla, quando le urla del pubblico inizi a sentirle sempre più ovattate e la vista ti si annebbia è il momento di reagire, la vita diventa un calcolo matematico, una lotta contro il tempo, 6 minuti di recupero, tutto si decide oggi, o metti una palla dentro o sarà una tremenda disfatta.
“Siamo all’inferno signori e rischiamo anche di rimanerci, possiamo farci prendere a schiaffi, oppure aprirci la strada lottando verso la luce”.
La nostra speranza era tutta lì, il trascorrere del tempo pesava come un enorme macigno sulla testa di ognuno di noi, era ormai la fine, la fine di un sogno rincorso da sempre.  Una uggiosa giornata di Aprile aveva decretato la disfatta, ma gli uomini vengono fuori proprio in questi momenti, tirando fuori orgoglio e grinta, facendosi strada su un terreno oramai reso impraticabile dall’inccessante pioggia. Una palla, forse l’ultima della partita, arriva li, sui piedi di chi ci ha sempre creduto, di chi ha sempre lottato, va solo spinta dentro. Tutto improvvisamente rallenta, anche la pioggia si blocca per dare vita ad un raggio di sole che da lì a poco illuminerà il nostro cammino…  Goal!!! Quella rete gonfiata significa vittoria e promozione in prima categoria. È fatta! È l’apoteosi, siamo in prima categoria grazie a quella palla spinta dentro a 30” dalla fine quando i nostri avversari stavano già festeggiando al posto nostro. Il Re è lui, Pantaleone Maccarone, un goal che vale una stagione!  Si eleva a paladino della giustizia restituendoci ciò che era nostro, ciò che ci era stato tolto ingiustamente. Numeri da record, 50 punti conquistati, miglior attacco che eleva il nostro Orlando Moisè al titolo di capocannoniere con 15 reti stagionali, 15 risultati utili consecutivi, numeri da capogiro insomma. Al timone il grande mister Saverio Vangeli che, con il suo qualificato equipaggio ha fatto sì che il sogno diventasse realtà. Il capitano Nicola Maruca, l’instancabile Gregorio Sposaro, il senatore Giuseppe Contartese, il mastino Nicola Muzzopappa, la roccia Antonio Pontoriero, l’esperienza del grande Daniele Vasinton, la caparbietà di Vincenzo Gallo, la forza di Francesco Limardo, la duttilità di Filippo Prestia, il ritorno di Pietro Sposaro, l’arrivo di Matteo Filardo, la sicurezza di Giuseppe Pontoriero, il pendolino Antonio Bresci, il giovane Domenico Zinna, il rientro di Giordano Ungaro, l’innesto di Salvatore Zangari e Francesco Barbalaco e il recupero di Giuseppe Moisè hanno dato vita a questo emozionante film. Dietro tutto questo i dirigenti, i pilastri di questa grande famiglia che hanno creduto fortemente in questo gruppo. Nicola Maruca, Gregorio Sposaro, Andrea Aragona, Salvatore Antonio Zinnà, Michele Pugliese, Nicola Pugliese, Emilio Mastruzzo, Antonio Mazzone e tutti quelli che ci sono stati vicini in questo anno meraviglioso. In questa squadra si combatte, in questa squadra ci massacriamo di fatica noi stessi e tutti quelli intorno a noi, ci difendiamo con le unghie e con i denti perché sappiamo che quando andremo a sommare tutto, il totale allora farà la differenza tra la vittoria e la sconfitta, la differenza fra vivere e morire. Noi oggi abbiamo scritto la storia, noi oggi siamo CAMPIONI, noi oggi siamo in PRIMA CATEGORIA.

Uff. stampa
ASD Nuova Calimera

Carica altri articoli
Load More By Massimo Scerbo
Load More In Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

A2: Real Rogit, un punto che vale il primato; poker della Magic Crati

CATAFORIO-FUTSAL POLISTENA martedì 10 ore 20 MANFREDONIA-REAL ROGIT 4-4 Manfredonia: Lupin…