Home Calcio La capolista Mesoraca avvicina l’obiettivo, battuto a fatica il Real Cotronei

La capolista Mesoraca avvicina l’obiettivo, battuto a fatica il Real Cotronei

6 min. di lettura
0
0
Esultanza Mesoraca

Giornata splendida a Mesoraca per un match importantissimo per la squadra di casa. Cornice di pubblico delle grandi occasioni, i cittadini mesorachesi rispondono presente all’invito della società.
Dopo una prima fase in cui le squadre si studiano, al 4’ buona occasione per il Real Cotronei, che va vicino al gol con Fabiano il cui pallonetto, a tu per tu col portiere, finisce a lato di molto.  Al 10’ Vescio F. impegna il portiere avversario, respinta sui piedi di un difensore, che si rifugia in angolo. Preludio per il vantaggio mesorachese, che si concretizza al 18’ quando Barbera viene steso in area di rigore. Si incarica della battuta il capocannoniere Vescio F., che trasforma il rigore spiazzando il portiere avversario. La strada sembra in discesa per il Mesoraca ma, subito dopo il gol, l’arbitro mostra il cartellino rosso allo stesso giocatore per un piccolo diverbio. Partita che sembra complicarsi per la squadra di casa che, però, va vicinissima al raddoppio, in due occasioni, con Castagnino prima e Barbera poi. Entrambi i tentativi dei mesorachesi vengono respinti dal portiere cotronellaro. All’ultimo minuto del primo tempo, occasionissima per il Cotronei con Calabrese che riceve un cross dalla destra, ma il suo colpo di testa impatta sul palo.
Nella ripresa parte bene il Mesoraca che al 50’ raddoppia con Castagnino servito da Barbera, l’arbitro annulla per fuorigioco. Inferiorità numerica che inizia a farsi sentire per la squadra di casa, il Cotronei ne approfitta e pareggia con un destro ad incrociare di Calabrese al 54’. Mister Sirianni vede la sua squadra calare alla distanza ed effettua due cambi per dare forza fresca. Cotronei molto pericoloso quando affonda sulla destra, ed è proprio da lì che nasce l’1-2, palla in mezzo e Labernarda raddoppia al 70’. Stadio ammutolito e tutto da rifare per la capolista. La squadra, spinta dal suo pubblico, si butta in avanti e cinque minuti dopo si procura un calcio di rigore. Angolo dalla sinistra, colpo di testa di Ruberto e difensore che salva sulla linea con una mano. Rigore ed espulsione. Sul dischetto va Sirianni S., che trasforma il rigore e pareggia. Cambia l’inerzia della partita, col Mesoraca che ora spinge. L’entrata di Ruberto ha portato pericolosità e velocità all’azione del Mesoraca. È un suo affondo sulla destra che porta al vantaggio mesorachese. La sua palla per Castagnino è solo da buttare dentro. L’attaccante segna e completa la rimonta della squadra di casa al 79’. Lo stadio esplode. Ma non è finita. L’arbitro assegna 5 minuti di recupero. Il Cotronei attacca, ma è il Mesoraca a chiudere la contesa all’ultimo minuto di gioco con Ruberto, che salta due uomini e si invola verso la porta, il suo tiro viene quasi bloccato dal portiere, che nulla può quando lo stesso Ruberto si avventa sulla palla che balla sulla linea. 4-2 finale e tifosi che finalmente possono tirare un sospiro di sollievo. Partita tiratissima. Obbiettivo 3 punti centrato per la capolista, quando mancano solo 4 giornate alla fine del campionato.

Mesoraca: Mascagni, Mazzei (80’ Romano), Fazzolari, Marrazzo F. (64’ Sirianni S.), Gentile D., Gentile S. (71’ Garibaldi), Vescio F., Elia, Brizzi P. (60’ Marrazzo D.), Castagnino, Barbera (71’ Ruberto L.). All. Sirianni
Real Cotronei: Ragusa, Crugliano, Scavelli, Potrzuski, Cavallo (Luongo), Labernarda, Romano, Calabrese, Papallo, Oliverio, Fabiano.
Marcatori: 19’ Vescio F. rig, 54’ Calabrese (Cotr), 70’ Labernarda (Cotr), 75’ Sirianni S. rig., 79’ Castagnino, 95’ Ruberto
Espulso: Vescio F al 20’ (M)

Uff. stampa
ASD Mesoraca

Carica altri articoli
Load More By Massimo Scerbo
Load More In Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

La Morrone incalza il Sambiase, il pensiero di mister Stranges

I tre punti conquistati contro la Promosport hanno permesso a Lorenzo Stranges di rifarsi …