Home Calcio a 5 Serie C2: risultati, marcatori e commenti di play off e play out

Serie C2: risultati, marcatori e commenti di play off e play out

18 min. di lettura
0
0

Si sono disputate le gare di play off e play out nel campionato di serie C2, di seguito risultati, marcatori e commenti di tutti gli incontri.

R. San Fili-S.C. Corigliano

Serie C2 gir. A – Play Out
REAL SAN FILI-SPORTING CLUB CORIGLIANO 1-6
Marcatori: 16′ Pellegrini (RSF) 19′ Benenati, 21′ De Luca, 30′ e 40′ Bianco, 60′ Benenati, 61′ Caputo (SCC)
Dopo due anni di digiuno, non poteva esserci giornata migliore per cogliere una vittoria fuori casa. In sintesi, potremmo riassumere qui l’exploit esterno dello Sporting Club Corigliano che vale la salvezza. Eppure, il Real San Fili poteva contare su due risultati a disposizione ed invece i biancoverdi di mister Angelo Busa hanno giocato la gara perfetta, infilando per ben sei volta la porta dei leoni della crocetta. Padroni di casa che la sbloccano poco dopo il quindicesimo con il solito Pellegrini. Tre minuti bastano al bomber Benenati per riequilibrare le sorti dell’incontro. Al ventunesimo è De Luca a completare la rimonta, ribaltando completamente parziale ed inerzia. A suggellare la prima frazione, prima del riposo, arriva la terza rete ad opera di Bianco. Lo Sporting Club, forte del vantaggio acquisito, gioca più serenamente la seconda frazione e trova la rete dell’1-4 ancora con Bianco. Un Real San Fili frastornato non riesce a ribattere le sortite coriglianesi e, nei minuti finali, subisce le ulteriori due marcature di Benenati e Caputo che chiudono la contesa con un parziale pesante. Real San Fili che retrocede dopo una sola stagione, Sporting Club Corigliano che può festeggiare la permanenza in serie C2.

Serie C2 gir. B – Semifinali Play Off

Saluto iniziale Davoli-Zefhir Reggio FC

DAVOLI ACADEMY-ZEFHIR REGGIO FC 4-4 dts
Marcatori: 33′ pt C. Santise (D) 34′ pt Zoccali (ZR) 39′ pt Dieni (ZR) 32′ st Battaglia (ZR) 41′ st F. Parafati (D) 60′ Ranieri (D) 5′ pts Ranieri (D) 5′ sts Zoccali (ZR)
Gara maschia e nervosa che premia la squadra di casa, in virtù del miglior piazzamento ottenuto al termine della stagione regolare. Due squadre che, comunque, si sono equivalse e che hanno giocato ad alti ritmi per tutti gli oltre settanta minuti di gioco. Parità che viene confermata anche dai precedenti in campionato (5-5, 2-2) e che è lo specchio di quello che è venuto fuori questo pomeriggio. Partita che si sblocca negli undici minuti di recupero concessi dalla coppia Carbone – Pedullà (insufficiente la loro gestione della gara), a seguito di un parapiglia a metà tempo, al termine del quale si è concluso tutto con l’allontanamento di un membro della panchina per parte. Al terzo minuto di recupero è Cristian Santise a portare avanti i padroni di casa, con una ripartenza di forza conclusa nel migliore dei modi. Palla al centro e rete degli ospiti con Zoccali, sugli sviluppi di uno schema da calcio di punizione deviato imparabilmente da Raffaele. Al nono di recupero è Dieni a ribaltare il parziale depositando comodamente a porta vuota, dopo una grande parata di Sperlì in uscita. La ripresa si apre con la rete fulminea di Battaglia che approfitta di una palla persa da Cristian Santise ed infila Sperlì sotto le gambe. All’undicesimo il numero 4 biancorossso si fa perdonare l’errore precedente colpendo il palo in pieno, sulla ribattuta è Francesco Parafati il più lesto a mettere la palla in rete per il 2-3. Al quindicesimo la coppa arbitrale assegna un rigore molto dubbio alla squadra di casa per un presunto fallo su Stefano Celia, lo stesso pivot, però, si fa respingere la conclusione da un grande Tamiro. E, proprio quando lo Zefhir Reggio FC sta assaporando il gusto della vittoria, arriva il sesto fallo con conseguente tiro libero: dal dischetto Ranieri è implacabile e manda le squadre ai supplementari. Lo stesso numero 10 soveratese si ripete al quinto del primo tempo supplementare, stessa porta e stesso angolo, 4-3 per il Davoli. Nel secondo tempo supplementare i reggini giocano la carta del portiere di movimento, ma è il Davoli ad avere l’occasione per chiudere il discorso con il terzo tiro libero ma, questa volta, Tamiro dice di no a Ranieri. Allo scadere, infine, tiro libero per lo Zefhir messo in rete da Zoccali ma non c’è più tempo. Davoli Academy in finale play off, Zefhir Reggio FC fuori a testa alta. 

Ingresso in campo

VIBO C5-FUTSAL CLUB FILADELFIA 2-1
Marcatori: 12′ Mandarano (V) 17′ Catanzaro (FC) 59′ Paternò (V)
Partita ad alta tensione al Palapace con le due squadre che non si risparmiano e lottano su ogni pallone. Ci rimette lo spettacolo, infatti, nei primi minuti le squadre si studiano e creano poche occasioni. I tanti tifosi della Futsal provano a caricare la squadra, ma il match non si sblocca e sono vani i tentativi da fuori di entrambe le squadre. Squadre che hanno quasi paura di attaccare e prendere gol e regna l’equilibrio, ci vuole un episodio per accendere la gara, Mandarano riesce ad arrivare al tiro e beffare un non incolpevole Barbagallo. Reazione Futsal che non si fa attendere e poco dopo un gran gol di Catanzaro mette in pari la situazione. La Futsal ci crede e poco dopo sfiora il gol con Procopio e poi con Carchedi che da buona posizione non inquadrano la porta. Partita che diventa tesa, con gli animi che si scaldano più volte. Il Vibo ritorna ad attaccare e Barbagallo si supera. Ancora bianchi in avanti ma Catania lambisce il palo. Finisce così un intenso primo tempo. Seconda frazione alla stregua del primo tempo, fanno fatica le squadre a creare e attendono l’occasione per affondare il colpo decisivo e la tensione si taglia a fette. Il Vibo sfiora il gol in più occasioni con tiri da fuori, ma sono sui piedi di Dastoli le migliori occasioni per sbloccare per primi la gara, ma sbaglia. I padroni di casa rispondono e sprecano una colossale occasione a porta libera. Errore che salva i leoni, che poi estano in 4 per l’espulsione di Carchedi per doppia ammonizione. Sono minuti interminabili e di sofferenza ma Barbagallo c’è e il Vibo non approfitta del vantaggio numerico. Quando i supplementari sono ad un passo, Procopio perde palla e Paternò salta un giocatore e mette all’incrocio a 30 secondi dalla fine. Il cuore e la grinta non bastano. Bruciante e amara sconfitta per i leoni che più volte in questa stagione hanno visto esultare gli avversari all’ultimo minuto. Finisce nel peggior modo possibile, leoni che si leccano le ferite pronti a ripartire per un’altra grande stagione. (A.S. FC Filadelfia)

Selfie Salvezza Florentiana

Serie C2 gir. B – Play Out
POLISPORTIVA MOLOCHIESE-FLORENTIANA 2-4
Marcatori: A. Mammola (PM) Pastori, 2 Marino, Pastori (F) Condrò (PM)
I catanzaresi della Florentiana ribaltano il pronostico ed espugnano il campo della Polisportiva Molochiese, centrando la salvezza. La squadra di casa, forte della possibilità di conquistare la permenenza anche con un pari, sblocca la gara con il solito Andrea Mammola. Gli ospiti, per nulla intimoriti e convinti delle proprie qualità, riequlibrano la gara con Pastori. Ci pensa Marino, con una doppietta, a portare i suoi a distanza di sicurezza. Pastori, poi, chiude definitivamente i giochi certificando la vittoria. Nel finale, utile solo per le statistiche, arriva la rete di Condrò. Finisce 2-4 per la Florentiana, Molochiese in Serie D.

Festa F.F. Siderno

AURORA GALLICO-FANTASTIC FIVE SIDERNO 3-4 dts
Marcatori: 20′ e 28′ Vitale, 40′ Frascà (FFS) 45′, 49′ e 55′ Nava (AG) 3′ pts Errigo (FFS)
Non bastano il cuore, la determinazione e la grinta all’Aurora Gallico per raggiungere la salvezza, sfuggita di mano dopo una clamorosa rimonta a causa di un generosissimo tiro libero assegnato nel primo tempo supplementare. Una direzione di gara molto discutibile quella della coppia Michienzi-Mandaradoni, quasi mai d’accordo tra di loro e capaci di sconfessarsi a vicenda come in occasione di un calcio di rigore prima concesso al Siderno da uno e poi cancellato dall’altro. Ma non contano gli alibi in una giornata come questa, conta la prestazione di una squadra, come quella giallonera che, pur sotto di tre gol, riesce a pareggiare accarezzando l’obiettivo salvezza. Ma la sorte ancora una volta ha voltato le spalle agli uomini di Notaro, falcidiati da assenze e drammi (anche personali) che hanno condito una stagione maledetta. La squadra gallicese ha comunque sempre lottato e abbandona oggi la categoria con orgoglio e a testa alta, al termine di una partita giocata al massimo e sfuggita per sfortuna e qualche ‘svista’. La storia dell’Aurora non finisce certo qui, dalle cadute ci si rialza sempre e il club giallonero è pronto a prendersi le proprie responsabilità per riscattare un’annata nefasta da cui ci sarà solo da imparare. Per tornare alla cronaca del match, le squadre partono bloccate e il ritmo stenta ad alzarsi, il Siderno prova a sfondare ma Arrigo fa buona guardia. Intorno al ventesimo, gli ospiti passano in vantaggio con Vitale, che piazza sotto la traversa un’imbucata di Fiorenza. L’Aurora non ci sta e prova a gettarsi in avanti alla ricerca del pari, ma gli ospiti fanno buona guardia e, prima della fine del primo tempo, trovano il raddoppio ancora con Vitale. Nella ripresa l’Aurora dà fondo a tutte le energie per riequilibrare il punteggio, ma il Siderno cala anche il tris con Frascà in contropiede. A questo punto i gialloneri alzano i giri del motore e, nel giro di dieci minuti, annichiliscono un Siderno in bambola con la tripletta di Nava. Nel finale c’è anche il tempo per il poker, ma Crisalli si fa respingere il destro dal portiere avversario. Nel primo tempo supplementare, nel miglior momento dell’Aurora, arriva il quarto gol del Siderno, sugli sviluppi di un tiro libero generosissimo concesso da Michienzi. Nel prosieguo della gara non si gioca quasi più tra infortuni e scaramucce, gli arbitri decidono di non assegnare nemmeno 30 secondi di recupero, sancendo così la salvezza del Siderno. (A.S. Aurora Gallico)

Carica altri articoli
Load More By Massimo Scerbo
Load More In Calcio a 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

La Calabria sorride: vincono Bisignano, Traforo, Paola, Cataforio e F. Polistena

Giocata l’ottava giornata nel campionato nazionale di serie B. Nel girone G, meravig…