Home Calcio a 5 A2: Real Rogit e Futsal Polistena all’inseguimento della vetta

A2: Real Rogit e Futsal Polistena all’inseguimento della vetta

18 min. di lettura
0
0

Nella quattordicesima giornata del girone C di serie A2, i siciliani del Melilli strapazzano la Magic e mantengono l’esiguo vantaggio su Real Rogit e Futsal Polistena, anch’essi con i tre punti in tasca. Brutto scivolone casalingo del Cataforio, che si fa battere in casa e superare in classifica dal Regalbuto.

Barletta-Rogit

BARLETTA-REAL ROGIT 3-8
BARLETTA: Filò, Chiariello, Beluco, Tirapo, Maldonado, Prezioso, Ortiz, Filannino, Severino, Ciliberti, Dazzaro. All.: Dazzaro
REAL ROGIT: Soso, Arcidiacone, Silon, Bavaresco, Castrogiovanni, Campana, De Luca, Bracci, Barbieri, Dalle Molle, Bassani. All.: Tuoto
Marcatori: 8’57” pt Bracci (R), 12’17” De Luca (R), 19’30” Maldonado (B), 0’17” st Bavaresco (R), 4’26” Tirapo (B), 8’03” Silon (R), 9’13” Bracci (R), 11’52” Tirapo (B), 11’19” De Luca (R), 16’03” Soso (R), 19’47” Silon (R)
Che quella di oggi non sarebbe stata una gara facile, lo si sapeva sin dall’inizio. Il valore del Real Rogit è infatti indiscutibile: la squadra calabrese è, ormai da due anni, tra le super favorite alla vittoria finale e punta alla promozione in Serie A. Il Barletta C5, tuttavia, non ha sfigurato e, anzi, soprattutto sul 2-3 ha sfiorato più volte il pareggio, prima di cedere il passo nella seconda parte del secondo tempo. PRIMO TEMPO-Dopo una sostanziale fase di studio, in cui il Barletta fa buona guardia, tra 8′ e 12′, il Rogit confeziona il doppio vantaggio grazie alle reti di Bracci e De Luca. I biancorossi non accusano il colpo e sfiorano l’1-2 con Maldonado(paratona di Soso) e Tirapo che colpisce il palo. L’1-2 è rimandato a fine primo tempo con un guizzo dello stesso Maldonado che non dà scampo a Soso. SECONDO TEMPO-Nella ripresa, Bavaresco riesce a trovare lo spiraglio giusto per allungare immediatamente sull’1-3. I biancorossi, tuttavia, continuano a macinare occasioni e, grazie al tap-in di Tirapo, riescono ad accorciare sul 2-3. Barletta ha più volte in Ortiz e Tirapo la palla del 3-3, ma Soso riesce a neutralizzare i tentativi locali, mentre Silon, Bracci e De Luca, in successione, riescono a portare il Rogit sul 2-6. Tirapo, su rimpallo, per il momentaneo 3-6; dall’altra parte Soso e Silon allo scadere chiudono il match sul definitivo 3-8, dopo una clamorosa traversa colpita da Chiariello. (A.S. Barletta)

Esultanza Futsal Polistena

FUTSAL POLISTENA-REAL CEFALU’ 6-4
FUTSAL POLISTENA: Martino, Creaco, Bruno, Dentini, Fortuna, Minnella, Gallinica, Freddy Santos, Macrì, Juninho, Prestileo, Malara. Allenatore: Giuseppe Molluso.
REAL CEFALÙ: La Rocca, Mercolini, Montelli, Paschoal, Guerra, Amarasco, Arruda Zonta, Mulè, Marturano, Runfolo, Liistro.
ARBITRI: Tommaso Impedovo di Bari e Luca Michele De Candia di Molfetta. CRONO: Cosimo Di Benedetto di Lamezia Terme.
MARCATORI: 14’51’’ pt Montelli (CEF); 15’45’’ Dentini (FP); 17’46’’ Gallinica (FP); 18’14’’ Fortuna (FP); 03’41’’ st Freddy Santos (FP); 07’52” Mercolini (CEF); 09’52” Paschoal (CEF); 12’34 Creaco (FP); 16’07” Gallinica (FP); 19’09” Mercolini (CEF).
NOTE: Ammoniti Gallinica, Dentini, Juninho (FP); Mercolini (C).
Il 2020 non poteva iniziare in un modo migliore per il Futsal Polistena. La squadra allenata da mister Pino Molluso, infatti, fa sua la sfida contro il Real Cefalù, valida per la prima giornata di ritorno e si conferma in terza posizione, a un solo punto di distacco dal Real Rogit e a due dalla capolista Melilli. L’inizio di gara, però, non aveva fatto presagire nulla di buono per i rossoverdi, apparsi sottotono. Il risultato rimane fermo sullo 0-0 fino a 14’51’’ quando, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Montelli sorprende i padroni di casa e batte l’incolpevole Martino. Non passa neanche un minuto e il Futsal Polistena pareggia i conti con Dentini, abile a ribattere in rete una respinta di La Rocca su tiro ravvicinato dell’ex di turno Fortuna. Raggiunto il pari, il Futsal Polistena riacquista fiducia e a 17’46’’ si porta in avanti con Gallinica. A 18’14’’, poi, ci pensa Fortuna a siglare il tris. Il primo tempo si chiude, quindi, con i padroni di casa in vantaggio per 3-1. A inizio ripresa è Freddy Santos a siglare il poker con un gran tiro da lontano che non lascia scampo a La Rocca. Il Real Cefalù, però, non ci sta e nel giro di due minuti (07’52’’ e 09’52’’) riduce a uno lo svantaggio portandosi sul 4-3 con il portiere di movimento grazie alle marcature di Mercolini e Paschoal. A 12’34’’ è l’“Illusionista” Angelo Creaco a mettere al sicuro il risultato con la rete del 5-3. Molluso decide quindi di schierare Dentini portiere di movimento e la scelta sortisce gli effetti sperati, perché a 16’07’’ Gallinica realizza la doppietta personale (6-3). A poco meno di un secondo dalla fine, il gol del definitivo 6-4 degli ospiti con Mercolini. (A.S. F. Polistena)

Cataforio-Regalbuto

CATAFORIO-REGALBUTO 2-6
Cataforio: Parisi, D. Laganà, Labate, Scopelliti, Cilione, Durante, Giriolo, Atkinson, Scheleski, Martino, Caminero, Barbaro. All. Praticò
Regalbuto: Beltran, Wallace, Nimo Cobo, Chiavetta, Caro, Martines, Manno, Zaia, Gualtieri, Capuano, Ikoma, Campagna. All. Torrejon
Marcatori: 2’30 pt Capuano (R), 18’10” Scheleski (C) 2’10” st Capuano (R), 3’46” Martinez (R), 3’56” Capuano (R), 11’20” Cobo (R) 12’13” Campagna (R), 19’46” Labate (C)
Nonostante un gran primo tempo, con due traverse e un palo colpiti, i reggini pagano dazio contro la formazione di Torrejon. In avvio di ripresa i siciliani piazzano il break decisivo e le espulsioni di Giriolo e Martino complicano del tutto la rimonta. Il 2020 del Cataforio inizia con una sconfitta. Il Regalbuto espugna il PalaBotteghelle per 6-2, piazzano il break decisivo ad inizio ripresa.
LA CRONACA. Eppure il primo tempo del Cataforio è diametralmente opposto a quello che recita il tabellone luminoso tanto all’intervallo quanto al fischio finale. Si perché nonostante il Regalbuto sia attendista dietro la linea della palla e serrato in difesa, puntando molto sulla velocità in ripartenza, i reggini creano più volte le occasioni per violare la porta di Beltran. Durante trova attento il portiere avversario, Atkinson stoppa di petto, si gira e tira al volo non centrando lo specchio per poco. La risposta ospite è nel tiro di Campagna che costringe Parisi a salvare in angolo e sulla battuta Capuano da fuori trova la traiettoria giusta per il vantaggio. Martines coglie poi una traversa, Caminero dall’altra parte (esordio dello spagnolo) manda fuori di pochissimo. Alla metà esatta del primo tempo è Atkinson che centra in pieno il montate alto e venti secondi dopo trova solo la base del palo a Beltran battuto. Nuovo break del Regalbuto, il tiro di Capuano sibila sul fondo, Parisi in due occasioni poi salva la propria porta. Altro palo, stavolta colpito da Campagna con la deviazione di Parisi e conto dei ‘legni’ che torna in favore del Cataforio con Durante che con una finta siede Ikoma e manda il pallone a stamparsi nuovamente sulla traversa. Beltran poi si supera sul tentativo dalla lunga di Parisi. È il preludio al gol che arriva poco dopo con Scheleski sugli sviluppi di un corner. Al rientro dagli spogliatoi parte meglio il Regalbuto, seppure Scheleski mette in apprensione Beltran. Capuano in contropiede raddoppia analogamente a Martenis. Ancora Capuano per il poker, capitalizzando una brutta palla persa da una rimessa laterale, quando non sono trascorsi neppure quattro minuti. Sul punteggio di 4-1 il Cataforio fa fatica, Giriolo viene ammonito per la seconda volta (la prima per proteste, la seconda per un contrasto di gioco) e viene espulso. Resiste in inferiorità numerica la squadra reggina che però trova ancora una volta gli interventi di Beltran ad evitare di riaprire la partita. Con il vantaggio acquisto, e nonostante il power-play bianconero, il Regalbuto gestisce, sfiora il gol con il palo di Caro, poi Martino “para” a porta vuota e viene anche lui espulso. Dal dischetto Nimo Cobo non fallisce e poco dopo in contropiede arriverà il centro di capitan Campagna. Cataforio che ci prova fino all’ultimo ma senza successo, Beltran salva ancora i suoi prima di capitolare a 15’’ dalla sirena, sul gol di Labate servito dal corner di Atkinson. Una sconfitta da archiviare immediatamente per i reggini, la cui situazione in classifica non cambia rispetto all’ultima giornata, visto che è invariato il vantaggio di sei punti sulla zona play-out. Testa già al prossimo appuntamento in casa del Sammichele, altro importante scontro diretto, dove mancheranno per squalifica oltre espulsi Giriolo e Martino ed anche Durante, diffidato ed ammonito. (Fabrizio Cantarella – Ufficio Stampa Cataforio)

La Magic a Melilli

MELILLI-MAGIC CRATI FUTSAL 11-2
Melilli: Dal Cin, Cutrali, Failla, Batata, M. Gianino, Spampinato, Monaco, Bocci, Tarantola, Bruno, Fiore, D. Gianino. All. Bosco
Magic Crati: Prezioso, Metallo, Casagrande, Scigliano, Pasculli, Mura, Moraes, Lucao, Lima, Vernaglia, D’Andrea. All. Barbuto
Marcatori: 3’33” pt Monaco (M), 4’00” Lucao (MC), 5’00” Monaco (M), 7’43” Bocci (M), 11’33” Batata (M), 12’53” Lima (MC), 14’24” Dal Cin (M), 17’20” Spampinato (M), 3’50” st Cutrali (M), 4’10” Monaco (M), 9’02” Failla (M), 13’15” Bocci (M), 19’00” Bruno (M)
La faccia in questi momenti ce la dobbiamo mettere tutti!!! Deblace storica per la nostra squadra, che cade sotto i colpi della capolista, la quale negli ultimi 4 minuti si permette il lusso di fare esordire 2 under. Noi in partita solo nei primi due minuti, da quel momento in poi siamo in balia del Melilli che con la voglia e la fame della capolista ci sovrasta in tutto sommergendoci di gol. Adesso la classifica si fa davvero seria, siamo consapevoli che dobbiamo lottare per salvarci e cercheremo di portare a termine questa stagione. Servirà una svolta in tutto… vedremo… !!! (A.S. Magic)

Carica altri articoli
Load More By Massimo Scerbo
Load More In Calcio a 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Atletico Rogliano, Altomare e Monaco sono rossoneri

Alessandro Altomare è un nuovo giocatore dell’Atletico Rogliano 2018. Dunque il dife…