Home Calcio a 5 B: Bovalino super a Caltanissetta, Lamezia Soccer e Futura mai dome

B: Bovalino super a Caltanissetta, Lamezia Soccer e Futura mai dome

17 min. di lettura
0
0

Si è disputata la dodicesima giornata del campionato nazionale cadetto di serie B. A riposo la capolista Città di Cosenza, il Bovalino vince in Sicilia e le fa un grosso favore. Rimontona Futura, buon pari del Lamezia Soccer a Mascalucia.

Fase di gioco BC5

PRO NISSA-BOVALINO C5 7-10
Marcatori: 2 Dias Rocha, 2 Crespo, 3 Villoria, 3 Scordino (B)
Gli amaranto espugnano la tana della Pro Nissa con una prestazione superba. Eroici! È questo l’aggettivo del giorno in casa Amaranto. I nostri Uomini, in piena emergenza (numerose le assenze fra squalifiche e infortuni) mettono in scena la gara perfetta a Caltanissetta e strappano 3 punti alla seconda forza del campionato. Una gara inizialmente sofferta, complice il triplo svantaggio. Mister Venanzi, però, capisce tutto e adotta le adeguate contromisure. Da qui in poi è uragano BC5. I ragazzi danno tutto, fino all’ultima goccia di sudore. Villoria e Alvarito salgano in cattedra, Il giovane Scordino dimostra un talento fuori dal comune, e Dias Rocha vola, fra i pali e fuori. Una gara fantastica, che si chiude sul 7-10. Facciamo i complimenti a Mister Venanzi, al suo staff, e a tutti i ragazzi per come hanno interpretato la gara nonostante le pesanti assenze. Oggi hanno dimostrato fame di vittorie e spirito di sacrificio. E se queste sono le premesse, ci divertiremo. Buon 2020, Popolo Amaranto. (A.S. BC5)

Futura 18/01/2020

POL. FUTURA-GEAR SPORT 5-5
Marcatori: 18’28’ Russo rig. (G) 12’26” Labate (F) 7’12” Rotella (F) 5’03” Braga (G) 19’01’, 17’14” Borges (G) 16’58” Tamburella (G) 16’12”, 12’08” Rotella (F) 8’05” Labate (F)
Era una sfida da zona playoff e non ha certamente deluso le attese. Spettacolo davvero godibile al PalaFutura, Polivalente Coperto, tra la Polisportiva Futura e la Gear Sport, che hanno regalato gol e numerose emozioni ai tanti presenti sugli spalti. Alla fine è venuto fuori un pari, il primo stagionale per il team di Alfarano, ma l’infuocato finale poteva regalare il bottino pieno ad una delle due. La Gear parte forte e con i suoi sudamericani è capace di fare grande densità dietro e imbrigliare le giocate di una Futura sempre più matura e con tanta personalità. Al 18’28” è Russo a battere Amaddeo da massima punizione. Per la squadra calabrese è la classica sveglia dopo un avvio a rilento e a 12′ 26″ arriva il pari dopo una bella ripartenza, che vede Pronestì fermato dal portiere al momento della conclusione, Nino Labate è lesto da pochi passi ad insaccare. Al 7’12” arriva la prima marcatura del solito monume​​​​​​​ntale Josè Rotella, che da posizione defilata, quasi sulla linea laterale, tira sul primo palo pescando impreparato il portiere ospite, sorpasso Futura! La Gear però è squadra vera e ricca di talento. Al 5’03” è Braga a rubare palla a metà campo, entra in area e di punta batte l’estremo della Futura per il 2-2. Finale di frazione con tanta tensione, gli arbitri (direzione così e così), non ravvedono un tocco di mani in area siciliana, proteste del pubblico e della panchina della Futura, a farne le spese è Vergine, sanzionato con il doppio giallo. L’avvio della ripresa è un incubo per i padroni di casa, costretti in inferiorità numerica. Al 19’01” arriva il tocco fortuito di Labate su tiro di Borges, palla nel sacco e vantaggio siciliano. Al 17’14” è ancora Borges ad incunearsi tra le maglie della Futura e a mettere in rete da pochi passi, mentre al 16’58” è Tamurella ad infilare Amaddeo da posizione angolata per il 2-5 che sembra condannare i gialloblù. La reazione è da squadra che inizia a prendere consapevolezza della propria forza. Al minuto 16’12” Rotella in diagonale batte il portiere ospite, una rete che carica a molla il team gialloblù. Al minuto 12’08” è ancora il fenomeno sudamericano ad infilare da pochi passi dopo scambio con Scappatura e dopo lo sfortunato palo colpito da Everton, è la rete di Nino Labate a 8’05” dal termine della gara a rimettere la sfida in parità: che gran cuore! La Gear prova l’assalto per trovare il successo che sembrava vicino. La squadra siciliana spinge e colpisce un clamoroso palo con Alessandro al minuto 7’30”, seguito dal legno di Borges a 5’30”. La Futura stringe i denti, sfiancata dallo sforzo per riacciuffare la gara e alla fine porta a casa un punticino che permette di allungare a cinque la striscia di risultati utili. La distanza in classifica resta dunque invariata, con i due team separati da due lunghezze. Futura ora al sesto posto a quota 16, la zona playoff resta a portata di mano. Sabato prossimo Everton e soci impegnati sul campo della Ecosistem Lamezia, che oggi ha pareggiato sul parquet di Mascalucia e che occupa attualmente la terza piazza del girone H della serie B nazionale. (A.S. Futura)

La rete di Iozzino

MASCALUCIA-LAMEZIA SOCCER 3-3
RETI: 1t 10’32” Russo 11’24” Iozzino 16’15” Montesanti (Aut) 2t 7’53” De Masi 11’02” D’Arrigo 12’03” Deodato
MASCALUCIA C5: Rapisarda, Leonardi, Nicolosi, Guglielmino, D’Arrigo, Abate, D. Longo, G. Longo, Panebianco, Scuderi, Russo, Pagano. Allenatore: Umberto Previti
ECOSISTEM LAMEZIASOCCER: Sperlì, Montesanti, Morelli, De Masi, Iozzino, Monterosso, De Masi, Caffarelli, Deodato, Brandonisio, Gerbasi, Scalese. Allenatore: Bebo Carrozza
ARBITRI: Marilena Catanese di Barcellona PG e Andrea De Luca di Paola
CRONOMETRISTA: Francesco Quartaronello di Messina
Torna con un buon pareggio l’Ecosistem Lameziasoccer dalla prima trasferta siciliana del girone di ritorno ottenuto sul campo del Mascalucia C5. Una bella, ed intensa partita quella giocata tra le due formazioni che hanno confermato quanto previsto in fase di presentaziuone del match. Un Mascalucia C5 che ha mostrato di non meritare l’attuale classifica ed ha giocato a viso aperto contro gli orange, ne è nata una partita bella e per certi versi entusiasmante con i lametini cha hanno dato prova di compattezza rispondendo per ben tre volte al vantaggio dei padroni di casa. In due circostanze, primo e terzo gol, gli orange hanno avuto la forza e l’abilità di rispondere immediatamente al vantaggio degli avversari con giocate di ottima fattura.
Ottimi protagonisti della gare anche i due portieri che si sono esaltati davanti alle tante conclusioni degli attacchi avversari, più sollecitato l’estremo siciliano che ha negato altre marcature agli orange ed anche Sperlì che sul finire del primo tempo parava, bloccando la sfera, un tiro libero calciato da Nicolosi.
Dopo vari tentativi, da una parte e dall’altra, a spezzare l’equilibrio a metà del primo tempo il gol di Russo che sfruttava un errore in chiusura dei lametini che però non si demoralizzavano e dopo poco più di un minuto pareggiavano i conti con un gran gol di Iozzino. Sulla battuta di un calcio d’angolo di Scalese l’orange colpiva al volo a mezz’aria con una bordata che lasciava di sasso l’estremo avversario con palla all’incrocio dei pali.

Tiro Libero parato da Sperlì

A poco meno di quattro dalal fine della prima frazione altro vantaggio del Mascalucia con una sfortunata autorete di Montesanti che non poteva fare nulla per evitare l’impatto con un pallone messo al centro dove non c’era nessuno a poterlo sfruttare. Primo tempo dunque con i padroni di casa in vantaggio che ne secondo tempo tenevano botta ai tentativi dei lametini fino a quando il Giovane De Masi non si inventava un gran gol.Finta e controfinta sull’avversario e dalla destra gran diagonale imprendibile per il portiere avversario con palla che si insacca nel sette opposto. Altra doccia fredda per l’Ecosistem a nove dal termine con il gol di D’Arrigo che riesce a spingere in porta la palla in scivolata su passaggio di Longo favorito dal un liscio della difesa lametina. Altra prova di forza e detrminazione dell’Ecosistem che rispondeva anche stavolta dopo un minuto con Deodato che, spalle alla porta riceve da Iozzino si gira e batte l’estremo avversario. Rimangono ancora tanti minuti da giocare e le occasioni non mancano fino al 3″ dal termine quando Iozzino si trova sulla sulla traiettoria di una bordata di Monterosso e quando la palla scende a terra tenta il colpo di tacco su cui è bravo a chiudere Rapisarda. La partita si chiude qui con soddisfazione delle due parti che hanno avuto la possibilità di vincerla e di conseguenza anche di perderla. Considerando il bisogno di punti per la salvezza e la buona gara disputata degli avversari, cosa ampiamente prevista da mister Carrozza, il punto è da considerare più che positivo se consideriamo anche l’aver mantenuto i cinque punti di vantaggio sul sesto posto occupato dalla Pol. Futura prossimo avversario dei lametini sabato prossimo al Palasparti. (A.S. Lamezia Soccer)

Carica altri articoli
Load More By Massimo Scerbo
Load More In Calcio a 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Atletico Rogliano, Altomare e Monaco sono rossoneri

Alessandro Altomare è un nuovo giocatore dell’Atletico Rogliano 2018. Dunque il dife…