Home Calcio a 5 Coppa Italia femminile, fase nazionale: il Cataforio strappa il pari all’ultimo respiro

Coppa Italia femminile, fase nazionale: il Cataforio strappa il pari all’ultimo respiro

5 min. di lettura
0
0

Il Cataforio esordisce con un pari casalingo in rimonta nella fase nazionale della Coppa Italia. Primo tempo tutto sommato equilibrato, le due protagoniste sono i portieri Monorchio e Giasi, che tengono a galla le rispettive squadre con interventi pregevoli. Ferrato incoccia la traversa da fuori area, Caruso non sbaglia poco dopo il diciottesimo minuto. Il Cataforio non demorde e trova il meritato pari prima della sirena con Manti, che batte l’estremo difensore ospite in diagonale.

La ripresa segue il medesimo canovaccio della prima frazione, ancora Monorchio e Giasi protagoniste nella fase iniziale, poi il gran gol di Pisciotta sposta l’equilibrio a favore del Matera. Il Cataforio sembra smarrirsi e Caruso lo punisce tre minuti più tardi, siglando il gol dell’1-3 che sembra spegnere le velleità delle calabresi. La squadra calabrese avrebbe l’ccasione di accorciare su calcio di rigore, assegnato per fallo di mano della Lamacchia, ma la Macrì si fa parare il tiro da una Giasi sempre precisa. Sugli sviluppi del calcio d’angolo successivo, però, la calciatrice reggina si fa perdonare e trova una conclusione che, deviata dalla Dibattista, finisce dritta in rete. Il Cataforio si butta in avanti alla ricerca del pari e quando il cronometro segna 19’59” viene assegnato un calcio di punizione dal limite. S’incarica della battuta la solita Macrì, che con una fucilata trova il pari proprio sulla sirena. Finisce 3-3, adesso l’attenzione si sposta sulla gara di Avezzano, dove il Cataforio dovrà vincere e anche bene, visto che poi il Matera ospitera le abruzzesi tra le mura amiche.

CATAFORIO-AMA MATERA 3-3 (pt 1-1)
CATAFORIO: Cannizzaro, Dascola, Ferrato, Foti, Gatto, Imbesi, Macrì, Manti, Monorchio, Siclari, Soldano, Spanò. All. Scopelliti
AMA MATERA: Giasi, Panaro, Lamacchia, Pisciotta, Caruso, Dibattista, Lo Schiavo, Ruggieri, Fortunato, Calabrese, Lombardi. All. Festa
ARBITRI: Lo Prete di Catanzaro e Di Benedetto di Lamezia Terme. Crono: Catrambone di Crotone
MARCATRICI: pt 18’16’’ Caruso (M), 19’59’’ Manti (C), st 9’04’’ Pisciotta (M), 12’07’’ Caruso (M), 18’52’’ Aut. Dibattista (C), 19’59’’ Macrì (C).
NOTE: ammonita: La Macchia (M)

Carica altri articoli
Load More By Massimo Scerbo
Load More In Calcio a 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Felicità Nuova Grisolia, la matricola tirrenica un’assoluta rivelazione

Terzo posto nel girone B di terza categoria e promozione al primo anno dopo la rinascita. …