Home Calcio a 5 Coppa Italia Serie A2, la storia delle calabresi

Coppa Italia Serie A2, la storia delle calabresi

10 min. di lettura
0
0

Più si alza il livello, più è difficile competere e, purtroppo, minore è stato l’apporto delle compagini calabresi alla Coppa Italia di Serie A2.
Iniziamo col dire immediatamente che nessuna nostra rappresentante ha mai giocato la finale della manifestazione, una statistica preoccupante se si tiene conto degli investimenti fatti dalle società che hanno disputato i campionati nazionali, quantomeno negli ultimi dieci anni.
Nelle venti edizioni, tra l’altro, solamente due volte la Calabria è stata presente nella fase finale, con Fabrizio Corigliano nel 2014 ed Atletico Belvedere nel 2015, due società che non esistono più. Stessa sorte per entrambe, curiosamente eliminate ai quarti dalla corazzata Pesaro Fano, che nel primo caso ha perso in finale, alzando al cielo il trofeo nella seconda occasione.

COPPA ITALIA 2014
QUARTI DI FINALE
Fabrizio Corigliano-Pesaro Fano 1-2
FABRIZIO CORIGLIANO: Sapia, De Luca, Schiavelli, Ariati, Siviero, Bachega, Urio, Vieira, Caravetta, Marcelinho, Morrone, Vangieri. All. Ceppi
PESARO FANO: Corvatta, Ganzetti, Pieri, Ditommaso, Tonidandel, Ugolini, Anzolin, Sgolastra, Baldelli, Melo, Tres, Bacciaglia. All. Osimani
MARCATORI: 3’16” p.t. Sgolastra (PF), 16’29” s.t. Melo (PF), 18’23” Ariati (PP)
AMMONITI: Anzolin (PF), De Luca (PP), Melo (PF), Urio (PP), Vieira (PP)
ARBITRI: Andrea Campi (Ciampino), Daniele Ferretti (Roma 1) CRONO: Filippo Bortolato (Cagliari)
NOTE: al 7’25” p.t. Corvatta (PF) neutralizza un rigore di Vieira

Il rigore di Vieira parato da Corvatta

La EOS Village Cup si apre con una sorpresa: l’Italservice Pesarofano elimina la Pasta Pirro Corigliano, testa di serie, e vola in semifinale. Grande ritmo in avvio: Pesarofano in vantaggio con una micidiale ripartenza orchestrata da Melo e Sgolastra, con quest’ultimo che rientra sul sinistro e fulmina Sapia, in campo al posto dell’infortunato Martino, comunque al seguito della squadra (i compagni sono entrati in campo portando anche la maglia numero 17, quella del portiere). La reazione del Corigliano è in un gran sinistro di De Luca, che chiama Corvatta alla parata super. Al 7’25’’, grande chance per la squadra di Ceppi: respinta corta di Corvatta, fallo in area di Anzolin (anche ammonito) e calcio di rigore, con il portiere del Pesarofano che si riscatta alla grande respingendo con il corpo la conclusione di Vieira. Nella ripresa, prevedibile il forcing della Pasta Pirro Corigliano, ma il Pesarofano si difende con ordine e rischia solo in un paio di occasioni; i marchigiani, dal canto loro, in ripartenza sfiorano il raddoppio, ma già a 9’48’’ dalla sirena si ritrovano con il bonus di cinque falli esaurito. Il sesto, arriva al 12’16’’ (Melo su Siviero), ma Corvatta è ancora superlativo nel bloccare il tiro libero di Marcelinho. Al 16’31’’, con i calabresi alla ricerca disperata del pareggio, arriva invece il raddoppio del Pesarofano: lo segna Melo, con un destro rasoterra che non lascia scampo a Sapia. Ceppi inserisce subito Bachega portiere di movimento, con risultati quasi immediati, perché il Corigliano dimezza le distanza con una conclusione da posizione centrale di Ariati, che Corvatta riesce a ribattere solo quando ha già oltrepassato la linea bianca. Il portiere marchigiano, poi, blinda la porta, e il Pesarofano porta a casa la qualificazione.

COPPA ITALIA 2015
QUARTI DI FINALE
Atletico Belvedere-Pesaro Fano 2-3
ATLETICO BELVEDERE: Taibi, Batata, Tres, Quinellato, Bavaresco, Scigliano, Bonocore, De Brasi, Spinelli, Do Prado, Bartella, Bartilotti. All. Cipolla
PESARO FANO: Moretti, Lamedica, Jelavic, Perisic, Tonidandel, D’Angelo, Matosevic, Bonci, Ugolini, Cuomo, Ganzetti, Dionisi. All. Osimani
MARCATORI: 0’22” p.t. Aut. Jelavic (B), 13’35” Jelavic (P), 5’54” s.t. Batata (B), 12’16” Ganzetti (P), 19’05” Perisic (P)
AMMONITI: Lamedica (P), Tonidandel (P)
ARBITRI: Luca Vincenzo Caracozzi (Foggia), Wladimir Dante (Ciampino) CRONO: Simonetta Romanello (Padova)

Capitan Spinelli nel saluto iniziale

Partita dalle mille emozioni tra i calabresi, primi della classe del girone B, e i marchiani, finalisti lo scorso anno. A passare in vantaggio è l’Atletico Belvedere, che ci mette soltanto 22” a siglare il gol dell’1-0: Batata galoppa sulla fascia e mette una palla al centro dell’area di rigore che viene sfortunatamente deviata nella propria porta da Jelavic. Il Pesarofano non accusa il colpo e sfiora il pari con Ganzetti e Jelavic, ma entrambi colpiscono la traversa. Il gol arriva al 13’35”, con Jelavic che stavolta, con un gran sinistro dal limite dell’area, segna nella porta giusta. Si va al riposo sull’1-1, poi nella ripresa è un continuo botta e risposta che porta alle reti di Batata da una parte e Ganzetti dall’altra. Cipolla vuole vincere la partita e mette Tres portiere di movimento, ma il risultato non si sblocca. Quando lo spettro dei tiri di rigore sembra inevitabile, ecco il gol del Pesarofano: a 55” dallo scadere dei tempi regolamentari, Matosevic serve al centro dell’area di rigore Perisic, che approfitta della dormita difensiva dell’Atletico Belvedere e spedisce i suoi in semifinale.

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Calcio a 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

San Fili, parla il DS Dodaro: “Importante ripartire per i ragazzi, il nostro calcio non può morire così”

Nelle ultime settimane si è alzato nuovamente il livello del dibattito sulla possibile ed …