Home Calcio Cus Cosenza e l’ambizione del progetto, mister Bria: “Una squadra che crede nel proprio tecnico, ha già vinto”

Cus Cosenza e l’ambizione del progetto, mister Bria: “Una squadra che crede nel proprio tecnico, ha già vinto”

8 min. di lettura
0
0

Società ambiziosa, progetto ambizioso, tecnico ambizioso e… vincente. Questi, gli ingredianti della promozione del CUS Cosenza al campionato di seconda categoria. Gli universitari, infatti, sono partiti tra la curiosità di tutti, ma hanno fatto in pieno il loro dovere, chiudendo il girone C di terza categoria al primo posto, a parimerito con l’Atletico San Lucido. Miglior difesa con sole sette reti incassate ed otto gare su tredici senza subire gol, numeri importanti per una matricola che aveva nella sua guida tecnica il vero asso da mettere sul tavolo. E mister Piero Bria, dopo il Marano, ha portato in seconda anche la squadra dell’Università della Calabria.

Dopo aver ridato vita ad un progetto importante come quello dell’US Marano, quest’anno ha sposato quello CUS Cosenza, che ha guidato alla promozione in seconda categoria. Cosa significa per lei aver accettato questa nuova sfida e cosa ha trovato in questa società rispetto ad altre per perorarne la causa?
Scendere di categoria poteva rappresentare un passo indietro. Invece mi ha dato la possibilità di conoscere una dirigenza giovane e ambiziosa con alle spalle una struttura come poche qui da noi. Inoltre mi affascinava l’idea di poter andare a giocare il campionato italiano delle Università e confrontarmi con altre realtà nazionali. Peccato che, causa Covid, questo non sia stato possibile. Tornando indietro accetterei nuovamente, perché l’ambiente CUS mi ha dato la possibilità di conoscere persone e giocatori straordinari.

Primo posto a pari merito con l’Atletico San Lucido nel girone C di terza categoria, miglior difesa (7 reti) ed otto gare su tredici senza subire gol. Quali sono i segreti o gli aspetti positivi che vi hanno permesso di mettervi tutte le contendenti alle spalle?
Non ci sono segreti, medicine o quant’altro. L’abnegazione dei calciatori è sicuramente l’aspetto che credo vada messo in risalto. Perché una squadra che crede in quello che un allenatore propone ha già vinto, a prescindere dalla posizione di classifica. Avere una media di venti ragazzi, ad ogni allenamento, significa poter fare un lavoro importante. E i numeri sono la risposta migliore all’impegno e alla professionalità dimostrata da questi giocatori durante l’anno.

Sicuramente parliamo di una stagione quasi perfetta, c’è qualcosa che avreste potuto fare meglio o qualcosa che è andata proprio come aveva studiato?
Non mi piace pensare a quello che poteva essere e non è stato. Non sono fatto così. Le sconfitte ti aiutano a migliorare e, quando abbiamo commesso errori, ne abbiamo fatto tesoro. Anzi, i giocatori in questo hanno dimostrato una grande maturità. Perché quando c’era da rialzarsi lo hanno fatto senza battere ciglio. In cosa dobbiamo migliorare? Beh, sul profilo del gioco possiamo e dobbiamo fare di più. Ma la crescita che ho visto nei cinque mesi passati al CUS mi soddisfa e mi da la possibilità di ricominciare a lavorare avendo una buona base da cui ripartire.

Il Cus Cosenza disputerà il campionato di seconda categoria 2020/2021. Quali sono gli obiettivi e come vi state muovendo, non solo sul mercato, in vista della nuova stagione, dato per scontato che lei rimarrà alla guida dei lupi?
Quando parlo con la dirigenza mi piace sottolineare che, di questi periodi, non c’è mai uno sconfitto. Sono tutti vincenti. Perché gli obiettivi di oggi si scontrano con la realtà di domani. Il nostro compito sarà quello di prepararci al meglio per la prima giornata. E’ questo il mio obiettivo. Su quale sia quello della società è giusto che siano loro a rispondere. Sul mercato, invece, posso dire che le idee sono molto chiare. Questo gruppo ha fatto una stagione importante e spero di poter continuare a lavorare con loro. Coscienti che bisognerà anche partecipare ai campionati italiani dove potranno essere tesserati solo studenti. E in quest’ottica la società sono certo che si muoverà tempestivamente.

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Cittanovese, mister Infantino: “Ci prepariamo al ritorno in campo”

La sospensione del torneo interregionale non ha intaccato il programma di allenamenti del …