Home Calcio La Pro Pellaro cede di misura alla capolista Borgo Grecanico Melitese

La Pro Pellaro cede di misura alla capolista Borgo Grecanico Melitese

7 min. di lettura
0
0
L’undici pellarese che ha iniziato la gara

Il pubblico delle grandi occasioni accoglie, al Campoli di Bocale, il match di cartello tra Pro Pellaro e Borgo Grecanico, valevole per il settimo turno del campionato di prima categoria, girone D.
Il tecnico della formazione pellarese Paolo Greco conferma il 3-4-3, rinunciando a Vincenzo Assumma e proponendo il tridente composto da Ricciardi, Praticò e Porchi. Dopo una fase iniziale di studio, la formazione melitese alza il baricentro e mette sotto pressione la retroguardia bianconera. La Pro Pellaro non rinuncia al suo credo calcistico e prova ad imbastire la manovra con i tre centrali difensivi, ma il pressing forsennato del Borgo Grecanico, induce spesso all’errore dei singoli. Così al minuto 21, Martino approfitta di uno svarione tecnico di Battaglia per calciare da distanza ravvicinata, ma il solito De Stefano respinge, negando il vantaggio agli ospiti. Due minuti più tardi si ripresenta il duello tra Martino e De Stefano vinto ancora una volta dall’estremo difensore pellarese, sulla deviazione del numero uno, Nwankwo calcia a botta sicura, ma è risolutivo l’intervento sulla linea di porta da parte di Mallamaci. La Pro Pellaro è in seria difficoltà e ci prova solo con Ricciardi che tenta un pallonetto su Leonardi in uscita, ma Mangiola mette in calcio d’angolo. Al 36′ il Borgo Grecanico passa in vantaggio: Perla serve Nucera nel cuore dell’area di rigore, l’attaccante melitese è bravo a fare perno sul difensore e calciare in porta, De Stefano salva ancora una volta, ma sulla respinta stavolta Martino ribadisce in rete. Che la Pro Pellaro sia in grosse difficoltà, lo si capisce dalla scelta drastica del suo allenatore di effettuare ben tre sostituzioni ad inizio ripresa: dentro Calabró, Assumma e Postorino per Ripepi, Casile e Porchi. La trama della gara tuttavia non cambia, il Borgo Grecanico dimostra di meritare il ruolo di capolista, mettendo in campo intensità e velocità. La Pro Pellaro ha il pregio di rimanere in partita, ma nonostante la grande forza di volontà, i ragazzi di Paolo Greco non riescono a costruire occasioni da rete degne di nota. Ci prova Ricciardi, con un sinistro dalla distanza che non impensierisce Leonardi e con un traversone insidioso da calcio d’angolo, che mette in apprensione la retroguardia melitese, ma le chance più rilevanti sono tutte degli ospiti. Il Borgo Grecanico ha l’occasione di chiudere i conti in almeno altre tre circostanze: Ci prova con il destro di un incontenibile Tripodi prima e con due conclusioni ravvicinate di Nucera poi. Ma a dire di no c’è il solito impeccabile De Stefano. Finisce 0-1. La Pro Pellaro esce dal campo a testa alta, prendendosi il merito di essere rimasta in partita fino all’ultimo minuto, al cospetto di un avversario che ha dimostrato di meritare il primato in classifica. Il campionato è ancora lungo e sarà il caso di recuperare al più presto energie fisiche e mentali, per guardare già al prossimo impegno con la fame agonistica di chi vuole rientrare nelle zone calde della graduatoria.

Pro Pellaro – Borgo Grecanico Melitese 0-1
Pro Pellaro (3-4-3): De Stefano; Attinà, Ielo, Mallamaci; Callea, Battaglia, Ripepi, Casile; Ricciardi, Praticò, Porchi. All. Greco
Borgo Grecanico (3-4-1-2): Leonardi; Mallamaci, Mangiola, Martino; Nwankwo, Manganaro, Candito, Tripodi; Nucera; Martino, Perla. All. Cormaci
Marcatori: 36’ Martino (B)
Note: Ammoniti: Candito (B), Battaglia (P)

Uff. stampa
Pro Pellaro 1919

Carica altri articoli
Load More By Massimo Scerbo
Load More In Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Atletico Rogliano, Altomare e Monaco sono rossoneri

Alessandro Altomare è un nuovo giocatore dell’Atletico Rogliano 2018. Dunque il dife…