Home Calcio La Pro Pellaro vince e convince

La Pro Pellaro vince e convince

8 min. di lettura
0
0

La Pro Pellaro vince e convince. Di fronte ad una nutrita cornice di pubblico del Campoli di Bocale, la formazione bianconera si è imposta per 3-1 sulla Fortituto Calcio Reggio. A fare le veci di Paolo Greco (assente per motivi personali) c’è Andrea Colo, impossibilitato nel giocare a causa di un infortunio, ma uomo jolly della Pro Pellaro in ambito tecnico e sanitario. I bianconeri scendono in campo con il 3-4-3: Antonio Battaglia, all’esordio dal primo minuto, affianca Ripepi nella zona nevralgica del campo, mentre in attacco Ciccone viene schierato come “falso nueve” assistito dal recuperato Ricciardi e Assumma.
Le trame di gioco sono comprensibili già dalle prime battute: la Pro Pellaro fa prevalere la supremazia tecnica, mancando di precisione solo nell’ultimo passaggio, mentre la Fortitudo prova ad agire di rimessa sfruttando la velocità e la tecnica di Bartolomeo. La gara si sblocca al minuto 16: Ciccone approfitta di un rinvio maldestro del portiere avversario, colpendo al volo con una prodigiosa rovesciata dai 30 metri. La traiettoria beffarda del pallone scavalca e si insacca alle spalle di un più che colpevole Federico, ma il gesto tecnico di puro istinto dell’attaccante bianconero è da standing ovation. Al 22′ lo stesso Ciccone lancia Ricciardi in campo aperto, quest’ultimo si invola sull’out destro e mette un pallone velenoso nel cuore dell’area di rigore, l’intervento provvidenziale di Suraci non basta per impedire ad Assumma di insaccare il 2-0 a porta sguarnita. Della Fortitudo Reggio non vi è traccia, eccetto qualche potenziale iniziativa pericolosa, disinnescata abilmente dai centrali difensivi della Pro Pellaro. Si chiude il primo tempo con i padroni di casa in assoluto controllo della gara, grazie ad una gestione intelligente e mai frettolosa del possesso palla.
Nella ripresa le dinamiche di gioco non cambiano, il divario tecnico tra le due squadre grava sulle spalle del disorientato undici di Solendo e la sensazione è che la Pro Pellaro possa far male ad ogni sua proiezione offensiva. Ciccone è costretto ad uscire per una brutta botta alla caviglia, così Colo inserisce Gaudenzio Praticò come terminale offensivo e sarà proprio il numero 18 a chiudere le ostilità. Ricciardi crea scompiglio nella difesa avversaria, dribla tre uomini e calcia da posizione defilata, ma l’intervento incerto dell’estremo difensore ospite, si rivela un assist al bacio per il tap-in di Praticò a due passi dalla linea di porta: 3-0. Ad accorciare le distanze pochi secondi dopo, ci pensa l’attaccante Nicolazzo che sfrutta una calo di tensione dei padroni di casa e supera De Stefano con il piatto destro dall’interno dell’area di rigore Sul 3-1, la Pro Pellaro abbassa il ritmo e si limita alla gestione del pallone, sfruttando il campo in ampiezza. L’ultima occasione per la Fortitudo, sarà ancora nei piedi di Nicolazzo, che calcia bene con il mancino da posizione defilata, ma De Stefano compie il suo primo ed unico intervento provvidenziale di giornata, deviando in corner. Finisce 3-1. La Pro Pellaro ritrova vittoria, entusiasmo e classifica, in attesa della prossima trasferta di Scilla che, in caso di vittoria, consentirebbe all’undici bianconero di classificarsi in piena zona play off.

PRO PELLARO – FORTITUDO CALCIO REGGIO 3-1
Pro Pellaro (3-4-3): De Stefano; Nkoug, Ielo, Mallamaci; Callea, Battaglia, Ripepi, Familiari; Ricciardi, Assumma, Ciccone. All. Colo
Fortitudo Calcio Reggio (4-4-2) Federico; Mangano, Pino, Suraci, Ielo; Costantino, Curatola, Freno, Giordano; Bartolomeo, Nicolazzo. All. Solendo
Marcatori: 16′ Ciccone (P); 22′ Assumma (P); 54′ Praticò (P); 56′ Nicolazzo (F)
AMMONITI: Pino (F), Costantino (F), Mangano (F), Battaglia (P)

Uff. stampa
Pro Pellaro

Carica altri articoli
Load More By Massimo Scerbo
Load More In Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

PRIMA CATEGORIA, la presentazione della nona giornata

GIRONE A (a cura di mister Roberto Mantuano) Il nono turno di prima categoria girone A pro…