Home Calcio Soriano amareggiato dalla direzione di gara: “Fateci giocare a calcio, non vogliamo essere la vittima sacrificale”

Soriano amareggiato dalla direzione di gara: “Fateci giocare a calcio, non vogliamo essere la vittima sacrificale”

4 min. di lettura
0
0

Abbiamo volutamente atteso, prima di esporre le nostre considerazioni in merito al metro di giudizio applicato, nel corso del match, dal signor Pasquale Cropanise proprio per evitare che le stesse fossero sporcate dalla rabbia e dalla poca lucidità.

Nel fare i complimenti al Sambiase, che ha saputo concretizzare le occasioni avute, ciò che vogliamo porre all’attenzione degli organi competenti è la discutibile (bisogna dirlo) equità in campo.
Due (tra i tanti) gli episodi più eclatanti. Il primo precede di poco il minuto 5 del video mentre il secondo, molto più chiaro e visibile, è intorno al minuto 7 di queste immagini. In quest’ultimo episodio infatti, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, si nota abbastanza chiaramente come il pallone carambola sul braccio sinistro di uno dei giocatori del Sambiase.
Ora, tutto questo non deve essere interpretato come una forma di poca fiducia nei confronti della classe arbitrale, la quale svolge comunque sia un ruolo molto difficile, ma certamente non vogliamo rivivere la situazione della scorsa stagione, nella quale siamo stati la vittima sacrificale della domenica. Così si sminuisce il martellante lavoro del tecnico Andrea Parentela e del suo staff tecnico, si sminuisce la dedizione e la professionalità dei nostri ragazzi e, soprattutto, si sminuiscono i grossi sacrifici che la società ha fatto e sta facendo. Fateci giocare a calcio.

Uff. stampa
Soriano

Carica altri articoli
Load More By Redazione Calabriadilettanti.it
Load More In Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare

Corigliano escluso, il Trebisacce chiede alla LND Calabria l’ammissione in Eccellenza

L’ASD TREBISACCE ha inoltrato una missiva al CR CALABRIA in cui si richiede la riammission…